image-338
Knotty Translations

Language

image-338

© 2014-2024 All Rights Reserved | Knotty Translations

Read the Privacy Policy


facebook
twitter
linkedin

Read the Cookie Policy

Emma recensisce: Eats, Shoots & Leaves

09/06/2022 11:00

Emma

Letteratura, Suggerimenti e recensioni, Grammatica, Recensione, Inglese, Lingue, Libri, Book review, English, Ortografia, Punteggiatura,

Emma recensisce: Eats, Shoots & Leaves

Recensione di "Eats, Shoot & Leaves" di Lynne Truss, un libro tutto dedicato alla punteggiatura.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oggi vi presento un libro molto conosciuto sulla punteggiatura in inglese: Eat, Shoots & Leaves di Lynne Truss.

 

Il sottotitolo è The Zero Tolerance Approach to Punctuation e non è difficile capire il perché fin dalle prime pagine.

 

Vediamo in breve di cosa parlano i vari capitoli.

Il libro in breve

Introduction – The Seventh Sense. L’introduzione è forse uno dei capitoli più lunghi, in cui l’autrice ci spiega perché si consideri a stickler for punctuation, una vera e propria pedante quando si tratta di punteggiatura.

 

I capitoli successivi sono poi dedicati a un segno di punteggiatura alla volta o a vari quando sono collegati:

 

The Tractable Apostrophe, chiaramente sull’uso dell’apostrofo;

 

That’ll Do, Comma, sulla virgola;

 

Airs and Graces, sul punto e virgola e i due punti;

 

Cutting a Dash, sul punto esclamativo, il punto interrogativo, il corsivo, le virgolette, le lineette, le parentesi e i punti sospensivi;

 

A Little Used Punctuation Mark, sul trattino;

 

Merely Conventional Signs, infine, è il capitolo conclusivo in cui l’autrice continua a perorare la causa della punteggiatura che, nonostante sia una semplice convenzione, è importante per lo scritto.

Cosa ne penso

È un libro famoso per essere interessante e divertente, ma credo lo sia solo fino a un certo punto. So di cadere spesso nel prescrittivismo io stessa, ma so anche che, in generale, non è una buona attitudine nei confronti delle lingue e, per questo, cerco di limitarmi.

 

Alcune parti del libro sono divertenti e alcune sono utili per sapere come usare la punteggiatura ma, in generale, penso sia una lettura un po’ pesante. In alcuni casi, e nonostante i tantissimi esempi, le regole non sono particolarmente chiare anche per chi conosce bene la lingua e la grammatica.

 

La parte più interessante e utile, forse, sono i paragrafi in cui l’autrice parla della storia della punteggiatura e di come i vari segni sono stati creati. Come libro di riferimento, tenetelo se ce l’avete ma non correte a comprarlo, ve ne posso consigliare altri più utili, più divertenti e meno estremisti.

 

Infatti, il prossimo post è proprio dedicato a un altro libro sullo stesso tema e lo preferisco di gran lunga. Lo pubblicherò la prossima settimana, prima della pausa.

 

Nel frattempo, avete letto questo di cui vi ho parlato oggi? Cosa ne pensate? Lasciatemi un commento!